«Non uccidere» di Krzysztof Kieślowsk

Decalogo 5 è il quinto dei dieci mediometraggi realizzati dal regista Krzysztof Kieślowski per la TV ed ispirati ai dieci comandamenti.

Jacek è un poco di buono. È un teppista, un vandalo, completamente privo di senso morale. Piotr, invece, è un uomo dai sani principi, che crede nella giustizia ma non nella pena capitale, che considera inutile: sin dai tempi di Caino, considera, nessuna pena è mai stata un valido deterrente. Jacek, senza alcun motivo apparente se non per la propria malvagità, uccide un taxista, un uomo comunque sgradevole come lui. Viene arrestato e tocca proprio a Piotr, appena diventato avvocato, difenderlo in tribunale. Tutto è inutile, e Jacek viene condannato. Piotr si sente in colpa: forse poteva fare di più, forse poteva aiutare quel ragazzo. Ma la condanna è decisa: pena di morte. Prima dell’esecuzione, Jacek chiede di parlare con Piotr. L’assassino non sembra più così malvagio, chiede all’avvocato di parlare con la madre, dopo l’esecuzione, e farsi seppellire nella tomba di famiglia. Le parole sono pugnalate nel cuore di Piotr, che è ancora convinto che la pena capitale sia una barbarie. Quello che avverrà dopo, non farà che confermarglielo. Jacek, all’ultimo secondo, infatti, si ribella all’impiccagione a cui è stato condannato: scalcia e cerca di fuggire. Tutti gli sono addosso e lo bloccano, proprio come lui era stato addosso bloccando il taxista mentre l’uccideva. Sembra non esserci alcuna differenza fra l’omicidio commesso da Jacek e quello commesso dallo Stato.

Maggiori informazioni sull’edizione 2016